La storia piu’ bella del mondiale: Giappone ai quarti! [HIGHLIGHTS]

Quattro partite questa domenica. Le ultime quattro della fase a gironi del mondiale. Dal prossimo weekend iniziano i quarti di finale. Ma sopra ogni cosa la notizia del giorno, dell’anno, della storia della Rugby World Cup in generale è il Giappone tra le prime otto del mondo. Chapeau!

Foto Japan Rugby FB.

Primo scontro di giornata: Canada-Namibia per la pool B. Finisce 0-0. Hagibis ci ha messo lo zampino per la terza volta. Girone degli Azzurri che termina così: Nuova Zelanda 16, Sudafrica 15, Italia 12, Namibia e Canada 2.

Quindi la prima vera sfida sul campo è stata Tonga-Stati Uniti, che ha visto i pacifici imporsi per 31-19, confermandosi quella squadra da non sottovalutare già scesa in campo battagliando con la Francia a inizio settimana. Pool C che alla fine si assesta nel seguente modo: Inghilterra 17, Francia 15, Argentina 11, Tonga 6, USA 0.

Galles-Uruguay doveva essere la partita più scontata della domenica. Il risultato di 35 a 13 per i Dragoni conferma la supremazia degli europei sui sudamericani, ma i Teros rimangono in partita per tutta la prima frazione di gara (7-6 per il Galles dopo i primi 40′), denotando quanto cuore e coraggio abbiano avuto in questa competizione. Di sicuro la Cenerentola più bella di tutte. Pool D che alla fine ha questa classifica: Galles 19, Australia 16, Fiji 7, Georgia 5, Uruguay 4.

E poi, dulcis in fundo, la partita che consacra i Brave Blossoms. Cammino perfetto nel girone per Leitch e compagni. Quattro su quattro. A farne le spese questa volta è la Scozia, che perde 28-21 e deve dire addio al sogno quarti di finale. Una storia bellissima quella dei nipponici, supportati da un popolo protagonista almeno quanto i XV in campo. Classifica della pool A: Giappone 19, Irlanda 16, Scozia 11, Samoa 5, Russia 0.

Si torna in campo sabato prossimo con i primi due quarti di finale: Inghilterra-Australia e Nuova Zelanda-Irlanda. Mamma mia, che partite!

Domenica gli altri due incontri: Galles-Francia e Giappone-Sudafrica.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *