TOP10 I RECUPERI DI APRILE

Fine settimana pasquale, la festa più ovale che ci sia, all’insegna del rugby. Due recuperi su tre, ennesimo rinvio di Petrarca – Colorno, questa partita è peggio del matrimonio di Renzo e Lucia, non s’ha da fare, e due protagonisti: il vento ed i cartellini gialli.

Credit Del Frate

Al Mirabello va in scena il recupero dell’unica partita di questa stagione rinviata non per Covid, ma per maltempo, ValorugbyLazio.

Tanto sole, tanto vento, insistente, molesto e gelido che mi ha ridotta ad un ghiacciolino (grazie Luhandré per aver evitato che mi ibernassi), a saperlo mi portavo la termocoperta, e qualche cartellino giallo ed uno rosso, fanno da cornice alla prestazione dei Diavoli che scendono in campo con un unico obiettivo: vincere per guadagnarsi il terzo posto su Calvisano. E i ragazzi di Manghi svolgono il compito in maniera impeccabile con una pioggia di mete e guadagnando il bonus già al minuto 33. Gioco fluido e scorrevole che lascia poco spazio agli ospiti che, nonostante la presenza di tanti giovani oggi, vanno in meta due volte. La prima al minuto 47 con Zileri che beffa Romano con una bella finta e si invola in meta. La struttura del pilone non è fatta per scarti agili e salti di avversari, ma Zileri non lo sa e schiaccia la palla oltre la linea. La seconda con Montemauri, ma sono solo episodi in un dominio rossonero (oggi in maglia ciclamino, per fortuna coi pantaloncini bianchi che quelli granata erano un cazzotto in un occhio).

Cinque punti e terzo posto dovevano essere e cinque punti e terzo posto sono stati.

Da segnalare il ritorno in campo di Dario Chistolini, capitano di giornata oggi, che festeggia con una meta, insieme ai rientri di Angelo Leaupepe e Luciano Rodriguez e due debutti in Top10, quello di Matteo Colli tra le file degli emiliani e dell’arbitro Matteo Franco.

MOM Anton Giacomo Gatti (Valorugby)

Marcatori: p.t. 6’ m. Amenta (5-0), 11’ m. Chillon tr. Farolini (12-0), 23’ m. Chistolini tr. Farolini (19-0), 26’ m. Gerosa (24-0), 33’ m. Bertaccini tr. Farolini (31-0), s.t. 47’ m. Zileri tr. Santarelli (31-7), 50’ m. Gatti tr. Newton (38-7), 55’ m. Costella (43-7), 67’ m. Bacchi (48-7), 71’ m. Costella tr. Newton (55-7), 75’ m. Gatti tr. Newton (62-7), 76’ m. Montemauri tr. Santarelli (62-14), 80’ m. Mattioli tr. Newton (69-14).

Credit Valorugby

L’altro match di giornata si svolge allo Zaffanella, dove Viadana e Mogliano si giocano il quinto posto.

Un pareggio tutto sommato onesto, ma che non accontenta nessuna delle due compagini. Viadana, che perde Caila e Zarizde in riscaldamento, tiene maggiormente il possesso ma è più indisciplinata e Mogliano non sa sfruttare la superiorità numerica. Padroni di casa che prendono subito l’iniziativa e le redini del match, con un gioco veloce e spaziando per tutto il campo, tanto che dopo i primi venti minuti ho il mal di collo tra seguire e scrivere, grazie ai cronisti che i aiutano a capirci qualcosa. Giallo a Pavan e Ceballos punisce dalla piazzola, due gialli ai mantovani, Schinichirimini e Casado Sandri in chiusura, Ormson pareggia e si va a riposo sul 6 pari.

Nella ripresa, come dicevo, i ragazzi di Costanzo e Basson (che anche oggi si è fatto sentire), non riescono a sfruttare a pieno la superiorità numerica. In un primo momento vanno avanti grazie al solito Ormson, ma poi cincischiano in difesa, che in italiano significa che fanno una dormita fotonica, agevolando i padroni di casa alla meta con Andrea Denti, che più tardi si beccherà il terzo cartellino giallo viadanese. E qui i biancoblu sono stati bravi a non mollare e grazie ad una meta tecnica, relativamente alla quale posso solo dire che non c’ho capito nulla e giuro sono stata attenta ma io e il mio condominio mentale abbiamo i nostri limiti, raggiungono il pareggio. Fase finale convulsa che vede i gialloneri all’arrembaggio in area avversaria ma i veneti difendono bene e mantengono così il 16 pari.

MOM Keanu Apperley

Marcatori: p.t. 12’ cp. Ceballos (3-0), 18’ cp. Ceballos (6-0), 30’ cp. Ormson (6-3), 38 cp. Ormson (6-6) s.t.  48’ cp. Ormson (6-9), 50’ m. Denti And. tr. Ceballos (13-9), 57’ cp. Ceballos (16-9), 62’ meta tecnica (16-16)

Credit Sofo

Chiudiamo il racconto di oggi col pirata di giornata. Sì, lo so ci sono stati solo due match. Ma c’è stato un episodio, un piccolo grande gesto che va premiato.

La mia Savino del Bene Volley anche quest’anno ha staccato il biglietto per la finale scudetto, e non iniziate a dire tanto c’è Conegliano lo so che c’è infatti il prossimo confronto sarà con loro. Dicevo che anche quest’anno ci giocheremo la possibilità di cucirci il tricolore scudato sulle maglie, ma un traguardo lo abbiamo già raggiunto. La schiacciatrice Elitsa Vasileva si è presentata al palazzetto con la maglietta Forza Rama #RamaMaiMular. Che dire, se non grazie Eci, ti porto la maglietta io, a piedi, saltando.

Forza Rama e forza Scandicci!

“I limiti esistono solo nell’anima di chi è a corto di sogni. [Anonimo]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.