80ESIMO MINUTO SECONDA GIORNATA DI TOP10


E mentre la Nazionale giocava al Franchi la sua prima (e mi sa pure unica in Italia), partita della Autumn Nations Cup, il Peroni Top10 vedeva il suo secondo turno. Giocarlo di domenica pareva troppo brutto, già di rugby se ne vede poco, giustamente mettiamolo pure tutto lo stesso giorno alla stessa ora. Dicevo, il secondo turno di Top10 vede ancora protagonista il maledetto Covid che blocca tre dei cinque incontri di giornata.

Rinviate Colorno – Calvisano, Viadana – Valorugby e Petrarca – Lazio, si disputano Fiamme Oro – Lyons Piacenza e Mogliano – Rovigo.

Con tre mete per tempo le Fiamme Oro, oggi in campo all’acqua Acetosa perché il manto della Gelsomini è in rifacimento, si aggiudicano il match contro i Lyons partiti molto bene. Gli ospiti, infatti, costringono i padroni di casa nella loro metà campo, per il capitano piacentino Lorenzo Bruno (ex Lazio) è quasi derby, sono sempre loro a muovere per primi il tabellino segnando tre punti dalla piazzola con Kats. I poliziotti restano imbambolati fino al 16esimo minuto quando Di Marco (oggi cecchino in piazzola oggi) pareggia il conto, qualche minuto dopo è Alessandro Fusco (doppietta oggi per lui e man of the match), a schiacciare in meta dopo aver giocato veloce un calcio di punizione. Di Marco trasforma e si va 10 – 3. Piacenza riparte ma sono sempre i poliziotti a riprendere il possesso e grazie ad un ottimo lavoro di squadra Cristian Lai arriva in meta esattamente come ci aveva fatto vedere in Under20, altro centro dalla piazzola di Di Marco e siamo 17 – 3. Ma esattamente come l’anno scorso i Lyons non ci stanno e al 32esimo Paz corre in meta su azione corale, Kats trasforma per un 17 – 10. Ottima fase difensiva degli ospiti ma sul finire della prima frazione Fusco, capisce tutto, e si invola in meta grazie ad u n bell’intercetto, 24 – 10 dopo i primi 40 minuti. La ripresa è quasi un assolo dei cremisi che vanno in meta due volte con Ugo D’Onofrio e Faccenna per un perentorio 43 -10.

Chiudo la cronaca romana con i complimenti ad Emiliano Caffini per i suoi 100 caps.

Marcatori: p.t. 8’ cp Katz (0-3), 16’ cp Di Marco (3-3), 19’ m. Fusco tr Di Marco (10-3), 27’ m. Lai tr Di Marco (17-3), 32’ m. Paz tr Katz (17-10), 38’ m. Fusco tr Di Marco (24-10); s.t. 45’ m. D’Onofrio tr Di Marco (31-10), 50’ m. D’Onofrio (36-10), 56’ m. Faccenna tr Di Marco (43-10)

Credit Fiamme Oro

E andiamo al Quaggia, dove il Mogliano di coach Costanzo ospita un indisciplinato Rovigo.

Prima partita ufficiale per i padroni di casa che finora, a causa della situazione nazionale, non hanno disputato alcun confronto.

E la differenza tra le due compagini appare evidente fin dai primi minuti, quando Cioffi, su apertura dell’ottimo Diego Antl oggi infatti MOM, con una delle sue solite progressioni si invola in meta al 9’ minuto che Cozzi trasforma (0-7). Ma come dicevo i Bersaglieri oggi sono piuttosto fallosi ed al minuto 13 Mogliano va in piazzola con Ormson che però non centra i pali. Poco male perché ci torna due minuti dopo e piazza. E siamo 3-7. Si riparte con i rosso blu che arrivano agilmente nei 22 avversari e qu l’ottimo Antl ci delizia con un drop a segno. 3 -10.

Scattano 10 minuti di follia rodigina che si becca un altro calcio contro, un giallo ad un Momberg troppo nervoso e la meta di Ferraro su penaltouche che Ormson trasforma 13 -10. C’è talmente tanta confusione che ho perso il conto dei falli di Rovigo e vedo Cioffi lanciare una touche, cioè lanciare qualcosa di simile ad una touche. Ma non capisco perché lo abbia fatto lui.

Ad aggiustare le cose ai Bersaglieri ci pensano i padroni di casa che al minuto 31 con un brutto errore gli permettono di guadagnare tanti metri mentre coach Casellato fa scaldare tutta la panchina, potrei giurare di sentirlo urlare dalle casse del pc. Ed infatti al minuto 33 arriva il pareggio di Cozzi dalla piazzola, a cui risponde Ormson, ma sullo scadere della prima frazione Cozzi si toglie lo sfizio di segnare e trasformare e si va a riposo 16 -18.

Assolo rodigino nella seconda frazione, dove i padroni di casa scontano pesantemente il mancato confronto sul campo da gioco verso la squadra che, al contrario, ha disputato più minuti tra coppa e campionato. Ospiti in meta tre volte, ultima delle quali dell’ottimo Antl per un definitivo 16 -37.

Marcatori: p,t. 8′ meta Cioffi,tr. Cozzi F.(0-7); 15′ cp Ormson (3-7); 17′ drop Antl (3-10); 20′ cp Ormon (6-10); 25′ meta Ferraro, tr Ormon (13-10); 33′ cp Cozzi (13-13); 35′ cp Ormon (16-13); 39′ meta Cozzi (16-18); s.t. 51′ meta Canali, tr Cozzi F. (16-25); 55′ meta Cozzi (16-30); 78′ meta Antl, Uncini (16-37).

Crediti Rovigo

Prossimo turno:

Valorugby – Rovigo;

Calvisano – Fiamme Oro;

Lyons Piacenza – Viadana;

Petrarca – Colorno.

“Il rugby è come un liquore molto forte: per assaporarne tutto il sapore e l’aroma va bevuto a piccoli sorsi e tra amici fidati. Dosi troppo forti, assorbite in cattiva compagnia guasterebbero la festa.” [Hernri Garcia]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *