80ESIMO MINUTO QUINTA GIORNATA DI TOP10

Tre vittorie esterne ed una casalinga nel quinto turno del Peroni Top10 che proprio non ne vuole sapere di regalarci una giornata con tutti e cinque i match disputati. Anche oggi, infatti, ne manca uno all’appello. Il Valorugby e la Lazio si sono dovute arrendere alla pioggia torrenziale, match rinviato. Mancano le cavallette ed abbiamo soddisfatto tutte le piaghe. Accidenti al 2020.

Comunque quattro partite in una giornata, anzi in un pomeriggio, sono una bella soddisfazione di questi tempi.

Si comincia al CPO Giulio Onesti dove un sorprendente Colorno, più ordinato e disciplinato, batte in casa le Fiamme Oro che restano a bocca asciutta nonostante l’uno due di Marinaro e Gabbianelli nei primi 15 minuti. Ma l’armata rossa capitanata da Sarto comincia a spingere sull’acceleratore costringendo i padroni di casa all’errore. Padroni di casa che si dimostrano, anche oggi, troppo indisciplinati rimediando ben due cartellini gialli (D’Onofrio e Gabbianelli) finendo, così, il primo tempo in 13. E siccome il 13 non è un numero particolarmente fortunato, i cremisi incassano le mete di Silva, terza meta in tre gare, e Balocchi, andando al riposo sul 14 – 15.

Nessuna reazione dei poliziotti ovali nella seconda frazione che vede ancora gli ospiti padroneggiare il campo con un assolo di Simone Gesi, 19 anni e MOM odierno, che muovendosi a proprio agio, come Roberto Bolle su un qualunque palcoscenico, sigla la terza meta. Ma il sigillo finale non poteva che essere ad opera del capitano biancorosso, Jacopo Sarto, sua la quarta meta per un definitivo 14 – 29. Vittoria e bonus.

Marcatori: p.t.  2’ m. Marinaro tr Di Marco (7-0), 10’ cp Ceresini, 13’ m. Gabbianelli tr Di Marco (14-3), 21’ m. Silva (14-8), 29’ m. Balocchi tr Ceresini (14-15); s.t. 54’ m. Gesi tr Ceresini (14-22), 75’ m. Sarto tr Ceresini (14-29)

Credit Colorno

Partita combattuta ma non spettacolare quella del Beltrametti di Piacenza, dove un Mogliano concreto e solido guadagna la seconda vittoria di giornata a scapito dei Lyons che mi sono sembrati meno concentrati di altre volte. Alla fine la sfida è stata vinta da Brian Ormson, MOM di giornata, magistrale nel gestire il gioco al piede e cechino dalla piazzola, giustiziere di una Sitav troppo confusionaria e imprecisa che si è trovata sempre a rincorrere i veneti che sul finale di gara hanno allungato.

Finale di gara che ha visto un guizzo del solito capitan Bruno provare inutilmente a caricare i suoi, un colpo a Biffi, costretto ad uscire temporaneamente ed un calcio di Paz non a segno.

Marcatorip.t.  5’ cp Ormson (0-3); 10’ drop Katz (3-3), 13’ cp Ormson (3-6), 38’ cp Katz (6-6), 40’ cp Ormson (6-9); s.t.   54’ cp Ormson (6-12), 68’ drop Ormson (6-15), 72’ cp Katz (9-15), 78’ cp Ormson (9-18)

Al PataStadium in un campo pesante a causa della forte pioggia di inizio del match, Rovigo si conferma solitario in testa alla classifica aggiudicandosi il match contro Calvisano dopo un confronto equilibrato.

Sono i padroni di casa a muovere per primi il tabellone con la meta di Venditti al terzo minuto, Hugo trasforma, e siamo 7 – 0. Gli ospiti rispondono al nono segnando una meta di punizione dopo un drive avanzante, sette pari, palla al centro. L’indisciplina dei padroni di casa continua e costa loro ben due cartellini gialli, il primo, al minuto11, a Zambonin, il secondo al minuto 26 a Zanetti. Non contenti al 27’ rimediano pure un calcio contro che Cozzi dalla piazzola non sbaglia portando avanti i rossoblù 7 – 10. Come dicevo è stato un confronto molto equilibrato, anche nell’indisciplina, infatti al minuto 32, sono gli ospiti a commettere fallo, i gialloneri optano per i pali, Hugo mette a segno l’ovale e si torna pari 10 – 10. Fine primo tempo.

La ripresa si apre come si è chiusa la prima frazione. Con un fallo di Calvisano che però Cozzi non trasforma ed il risultato resta inchiodato in parità fino a minuto 54 quando, sempre dopo un’infrazione questa volta dei rodigini, Hugo sblocca il risultato, dalla piazzola centra i pali, 13-10. Ma la svolta arriva al minuto 67 quando i Bersaglieri risalgono il campo, sfruttando abilmente un errore difensivo dei gialloneri, ed Uncini con un calcetto per sé stesso vola in meta in mezzo ai pali. Cozzi trasforma per il definitivo 13 – 17. Per restare equi al minuto 74 anche Rovigo si becca un giallo a Lubian che accende le speranze dei padroni di casa che partono all’attacco ma l’ottima difesa dei bersaglieri impedisce loro di concludere i numerosi pick and go sui 5 metri dei rossoblù, per buona pace delle coronarie di entrambe le tifoserie.

Man of the match il solito Diego Antl.

Marcatori: pt. 4’ m Venditti (5 – 0); 4’ tr Hugo (7 – 0); 9’ mp Rovigo (7 – 7); 27’ cp Cozzi (7 – 10); 33’ cp Hugo (10 – 10); st 66’ cp Hugo (13 -10); 68’ m Cioffi (13 – 15); 69 tr Cozzi (13 – 17).

Credit Del Frate

E veniamo all’unica vittoria casalinga. Buona la prima per il Petrarca Padova che in casa supera piuttosto agilmente il Viadana con un punteggio che non lascia adito a molte spiegazioni 24 – 5. Ottima prestazione quella dei ragazzi di coach Marcato che tornano finalmente al rugby giocato.

I tuttineri si assicurano la vittoria già nel primo tempo, chiudendo la prima frazione con un perentorio 18 – 0 che lascia presagire un dilagare nei secondi 40 minuti. Invece la ripresa vede un Viadana tornare in campo molto più motivato, andando in meta anche con Bientinesi, ma il divario tra le due compagini è davvero tanto e gli ospiti non riescono nella rimonta.

Man of the match Tommaso Cugini.

Marcatori: p.t. 3’ cp Lyle (3-0), 13’ cp Lyle (6-0), 23’ m Cugini (11-0), 30’ m Cugini tr Lyle (18-0). s.t. 42’ m Bientinesi (18-5), 51’ cp Lyle (21-5), 66’ cp Lyle (24-5)

Prossimo turno 12 dicembre:

Valorugby Emilia – Rugby Calvisano;

Rugby Rovigo Delta – Petrarca Padova;

S.S. Lazio Rugby 1922 AD – Rugby Lyons Piacenza;

Rugby Viadana 1970 – Fiamme Oro;

Mogliano Rugby 1969 – Rugby Colorno 1975.

Praticare uno sport non deve fondarsi sull’idea del successo, bensì sull’idea di dare il meglio di sé” [Gabriella Dorio]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *