Inghilterra femminile: una sicurezza


di Scott Ingleton

Guardando al Sei Nazioni femminili di quest’anno, le campionesse in carica dell’Inghilterra sono state indicate come le favorite a vincere la competizione. Dopo la performance professionale contro la Francia, piena di coraggio, talento e spirito di adattamento è giusto dire che le probabilità sono certamente a loro favore. Le ragazze capitanate da Scarratt hanno mostrato il loro dominio per i primi venti minuti di gioco e successivamente hanno disinnescato quasi ogni attacco che Les Femmes Français hanno scagliato contro di loro (ad eccezione del bellissimo passaggio di gioco da Hermet e Sansus al 23′ minuto). In una giornata primaverile oltremodo calda all’ombra dei Pirenei, le Red Roses hanno lasciato il segno, mettendo già quasi le mani sul titolo di quest’anno.

Analizzando le statistiche della partita si palesa una vittoria convincente per l’Inghilterra. Il 59% di possesso, il doppio di linee della difesa violate e quasi tre volte la quantità di palloni recuperati delle avversarie. Tuttavia la percentuale di successo dei placcaggi è stata pressoché la stessa (89% per la Francia e 93% per l’Inghilterra), così come lo sono stati i tentativi di placcaggio (183 a 184), mostrando come entrambe le squadre abbiano solide strutture difensive. La principale causa della vittoria dell’Inghilterra è data dalle skills di handling: la Francia ha fatto in-avanti 10 volte contro le 4 dell’Inghilterra, ha fatto il ​​doppio di passaggi errati rispetto all’Inghilterra e nel complesso più del doppio di errori di handling rispetto alle avversarie (16 a 7).

Sebbene le Inglesi siano state meno eleganti rispetto alle francesi, sono state in grado di mantenere possesso palla per periodi più lunghi e quindi son riuscite a creare le possibilità necessarie che le hanno portate a fare punti. Nonostante Sansus e Bourdain abbiano giocato egregiamente per le francesi, la loro squadra semplicemente non è stata all’altezza di quella guidata da Hunter, Daley-Mclean e Scarratt.

La prima meta è arrivata dalla pressione da parte dell’Inghilterra nei primi otto minuti di gioco. Dopo aver mantenuto un buon possesso, l’Inghilterra ha continuato a usare pick-and-go per tentare di rompere la difesa delle Blues. Tutto questo è avvenuto dopo una brillante fuga della pilone inglese Hannah Butterman. La mischia successiva a favore dell’Inghilterra ha permesso alla palla di arrivare all’ala Abigail Dow, che ha corso a schiacciare verso l’angolino. Sembrava di assistere ad un allenamento pre-partita, con Hunt che passava dal retro della mischia e con Daley-Mclean che poi scaricava all’interno per Scarratt. Hunt ha rapidamente restituito la palla a Daley-Mclean, che l’ha spedita a Harrison, Harrison a McKenna e per concludere McKenna l’ha smistata a Dow. Un frangente di gioco pulito che è parso perforante, concentrato e soprattutto efficace. La segnatura ha dimostrato anche quanto sia fondamentale la fase difesa: la Francia non ha difeso malamente, ma si è difesa lentamente. La Scarratt che, attraversando il canale della centro francese ha occupato un difensore in più, ha di conseguenza permesso che ce ne fosse uno in meno sull’ala. Questa mancanza di difesa ha significato che l’ala francese ha dovuto fare una scelta: affrontare McKenna e tentare di eliminare la minaccia con la palla in mano o sperare che una sua compagna di squadra arrivasse prima di lei. Cyrielle Banet ha fatto la scelta giusta opponendosi a McKenna, ma si è disinteressata di Dow, che ha poi fatto meta. Un gioco ben fatto per le inglesi, che hanno poi imposto il loro ritmo per il successivo quarto della partita.

Sia la seconda meta inglese che quella francese provengono da due maul. Mentre quella dell’Inghilterra, che ha permesso a Vicky Fleetwood di schiacciare, è stata inarrestabile, la meta francese al 23′ minuto è stata molto più interessante. Grazie alla maul la Francia ha guadagnato un po’ di terreno (l’allineamento per esempio era molto più distante rispetto alla meta inglese dei minuti precedenti), ha poi permesso ad Annaelle Deshaye di guadagnare altri 5 metri. Un passaggio molto rapido a Lise Arricastre ha concesso alle Bleus di avere il tempo necessario di organizzare un attacco, con Romane Menager che ha preso la palla al centro del campo, riducendo di conseguenza la possibilità per la palla di uscire e mantenere così vivo il gioco. Tuttavia, quando Laure Sansus ha diretto il passaggio, Gaelle Hermet, la quale era già lì a proteggere la ruck, ha preso la palla e attraversato lo spazio lasciato libero correndo poi verso la linea di meta. Sansus ha reagito più velocemente della maggior parte delle difensori inglesi e così, mentre Jess Breach la placcava, la francese ha passato la palla in offload a Sansus ed è arrivata la meta per la Francia. Questo è quasi il contrario di quanto successo con la meta inglese: le francesi si sono adattate completamente e hanno inventato il gioco a partire da un maul che sembrava non andare da nessuna parte.

È questo tipo di inventiva che rende la Francia divertente da guardare, ma allo stesso tempo pericolosa se ci si gioca contro. Durante la seconda metà della partita, hanno iniziato ad apparire delle crepe nel gioco inglese. Dopo il tentativo di meta fallito di Sarah Bern al 45′ minuto, la Francia sembrava aver capito le debolezze dell’avversaria e aver ritrovato nuove energie. Forse avrebbero anche preso il comando al 50′, dopo un gran bel break di Laure Sansus, mal supportata e interrotta dalla brillante difesa di Zoe Harrison.

In mischia la Francia era assolutamente dominante, imponendo un fallo dopo l’altro alle Red Roses. A volte, è sembrato come se lo sforzo delle donne in bianco si sgretolasse sotto l’incessante pressione francese. La guida del match è stato molto incerta, oscillando da una parte all’altra senza che nessuna delle due formazioni ne approfittasse. Le francesi controllavano la mischia mentre le inglesi controllavano il gioco all’aperto. Le forze erano in parità. Tuttavia la stasi è stata interrotta al 61′ da una meravigliosa Player of the year Emily Scarratt. Da una rimessa laterale sulla sinistra la palla passa a Leanne Riley e poi a Daley-Mclean, la quale la smista ad Amber Reed. Reed sa esattamente chi sta correndo alla sua destra, colpisce quindi l’avversario e scarica magnificamente per Scarratt. È lo spazio di cui ha bisogno per precipitarsi sulla linea di fondo e schiacciare per vincere una partita importantissima.

Tutto sommato, la partita è stata una gara equilibrata, assolutamente elettrizzante da vedere. Entrambe le squadre hanno dato tutto quello che avevano sul campo, anche se ci sono certamente dei punti in cui entrambe possono migliorare. Con la partita di domenica prossima, Inghilterra contro Scozia, ci si deve immaginare che l’allenatore Simon Middleton lavorerà per garantire la vittoria allo stadio Scotstoun e fare dunque un altro passo verso il titolo del Grande Slam.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *